image
19 aprile 2013 // Arianna Bardelle
Categoria: Digital Marketing

Come aumentare le liste di utenti per l’email marketing

Spesso, una delle richieste dei clienti, è aumentare considerevolmente la loro lista di contatti mail. È una statistica diffusa, che le aziende posseggano soltanto circa il 30% degli indirizzi mail dei loro clienti e dei prospect, senza contare che molte delle liste e-mail possedute dalle aziende non corrispondono precisamente al loro target.

Attenzione: una strategia che privilegia la quantità dei contatti sulla loro qualità non è quasi mai vincente. Innanzitutto, diventa arduo attuare una politica di engagement tramite e-mail marketing su contatti non conosciuti e fuori da target, ma soprattutto diventa molto più facile venire indicati come spammer e finire nelle temute blacklist, non solo con l’indirizzo da cui si inviano le DEM, ma anche con l’IP.

Come incrementare, dunque, in modo sicuro, le proprie liste per le strategie di email marketing? Ecco alcune strategie.

1) Rendere più semplice iscriversi alle newsletter tramite il sito. I clienti e i prospect devono trovare facilmente il form di iscrizione già in nome page. Ormai spesso si preferisce inserire in home page le icone dei social network piuttosto che lasciare spazio ad un ingombrante form: tuttavia non va sottostimata la value proposition dell’e-mail. Un semplice call to action “Iscriviti alla nostra newsletter!” corredata da un form molto minimale può già fare molto. Ovviamente, se si vogliono più iscrizioni, è necessario che l’invito sia più visibile o allettante: usare una call to action che metta in vista i benefit dell’iscrizione (uno sconto ai nuovi iscritti, la spedizione gratis…) e testare quale sia la più performante per il proprio business.

2) Non solo una! Inserire più form di iscrizione in tutto il sito e in varie posizioni: appena sotto l’header, a metà pagina, a destra delle colonne di testo, su un secondo livello trasparente rispetto al testo…varie sono le posizioni da testare anche dopo un’analisi della navigazione del sito da parte degli utenti.

3) Chiedere l’e-mail nei punti vendita. Per fare questo, però, bisogna sviluppare una procedura di richiesta mail che aiuti a collezionare indirizzi mail di qualità. Per evitare errori nella trascrizione, sarebbe opportuno che i clienti digitassero da soli l’indirizzo su un terminale posto appositamente nel punto vendita e per evitare mail fasulle vale sempre la regola di dare qualche benefit ai clienti che rilasciano la mail, spiegando quali siano anche gli altri benefici dell’essere iscritti alla mailing list.

4) Go Mobile! La parte mobile di siti e le app sono altre importanti sezioni in cui clienti e prospect possono iscriversi, quindi non bisogna dimenticare le form, che, sopratutto nella parte mobile (ma è buona regola applicarla anche altrove) va tenuta molto corta e semplice. Ulteriori informazioni per la profilazione del cliente si potranno richiedere in un momento successivo.

5) Non dimenticare i Social Network. Anche nella fan page di Facebook i visitatori devono trovare una semplice form di iscrizione, magari che utilizzi i social sign-in, per rendere il tutto più semplice e veloce e no togliere tempo e spazio alla navigazione dell’utente.

Avete già provato qualcuna di queste strategie? Che risultati avete avuto?

Cosa ne pensi?